(1 Vota)

Screeniziamoci

SCREENIZZIAMOCI...
Il ruolo del logopedista nella Scuola

Ci sono parole che hanno il potere di cambiare le espressioni sui volti di chi le ascolta.

Una di queste è “Screening”.

Quotidianamente ho la fortuna di confrontarmi con insegnanti e genitori sull’importanza dei progetti che, insieme alla mia équipe, porto avanti nelle scuole; per lo più progetti di identificazione precoce sui disturbi del linguaggio e dell’apprendimento.

Sono tutti molto entusiasti nel sapere che a scuola si svolgono questi tipi di progetti ma quando durante le riunioni con i genitori viene pronunciata la parola “Screening” cala sui loro volti un espressione di paura e dubbio mista a curiosità.

Questo perché siamo abituati ad associare questa parola ad un'altra che ci spaventa molto “malattia“ e in effetti su Wikipedia la ritroviamo, come se non bastasse, ben due volte: “Screening: termine utilizzato in medicina per indicare una strategia (protocollo) di indagini diagnostiche utilizzate per identificare una malattia in una popolazione a rischio medio di una malattia.. ”Dovremmo invece abituarci ad associarla un'altra parola che sta sulle bocche di tanti e nei fatti di pochi: “Prevenzione”.

Dato che le difficoltà di linguaggio si possono osservare molto tempo prima che il bambino venga esposto alla letto/scrittura formale e che le abilità metafonologiche vengono acquisite spontaneamente dai bambini intorno a 4-5 anni, il logopedista potrebbe essere una risorsa incaricata all’identificazione precoce delle difficoltà di lettura e non solo. Da qui nasce l’esigenza di “screenizzare“ i bambini dell’ultimo anno della scuola d’infanzia e, laddove risultino dei bambini a rischio, intervenire con dei laboratori di potenziamento non solo sulle abilità di processazione fonologica ma su tutti i prerequisiti dell’alfabetizzazione (attenzione, memoria, discriminazione visuospaziale, coordinazione oculomotoria ecc).

Non basta però avere all’interno della propria scuola un progetto di prevenzione e identificazione precoce, ma è la ricerca di una continua collaborazione tra insegnanti e tecnici, è la condivisione di un linguaggio comune a fare la vera differenza.

Dott.ssa Viviana Vinci e Dott.ssa Proietti Viola

#ProgettoAnemos #prevenzione #screening #parole #prerequisitiscuoladinfanzia

Letto 24 volte Ultima modifica il %PM, %14 %865 %2020 %19:%Mag

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.